Viaggi

Viaggi

BRUNO RODRIGUEZ PARRILLA, MINISTRO DEGLI ESTERI DI CUBA, INTERVIENE ALLE NAZIONI UNITE
Viaggi

BRUNO RODRIGUEZ PARRILLA, MINISTRO DEGLI ESTERI DI CUBA, INTERVIENE ALLE NAZIONI UNITE

Cuba chiede la pace nel mondo e denuncia il prevalere di un ordine internazionale ingiusto Durante il suo intervento al Dibattito Generale della 77a Sessione Ordinaria dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite, il Ministro degli Esteri cubano ha denunciato il blocco economico, commerciale e finanziario degli Stati Uniti nei confronti di tutte le famiglie cubane. Mercoledì Cuba ha lanciato un appello per la risoluzione pacifica dei conflitti mondiali e ha denunciato il blocco economico, commerciale e finanziario degli Stati Uniti che il nostro Paese sta subendo da più di sessant'anni, nonché il prevalere di un ordine internazionale ingiusto e insostenibile, che è stato messo in luce durante la pandemia COVID-19. Durante il suo intervento nel Dibattito Generale della 77ª Sess...
Il Parlamento della Giamaica in favore di Cuba, approva la risoluzione contro il blocco USA.
Viaggi

Il Parlamento della Giamaica in favore di Cuba, approva la risoluzione contro il blocco USA.

Una risoluzione che condanna il blocco economico, commerciale e finanziario del governo degli Stati Uniti contro Cuba è stata approvata per consenso dal Parlamento della Giamaica, secondo un documento diffuso dall'ambasciata cubana in Giamaica. Su Twitter, l'ambasciatore Fermín Quiñones ha affermato che i legislatori del Partito laburista giamaicano e del Partito popolare nazionale hanno denunciato il blocco come un atto di aggressione unilaterale, una violazione dei diritti umani e una violazione del diritto alla pace, allo sviluppo e alla sicurezza del popolo cubano. Inoltre, precisa Prensa Latina, hanno respinto l'inclusione di Cuba nell'elenco illegale degli Stati che sponsorizzano il terrorismo stilato dal governo degli Stati Uniti. Si sono ascoltati esempi degli effet...
Non c’è limite all’odio degli USA contro Cuba. Questa volta è toccato ad una famiglia di Firenze rea di aver soggiornato nell’Isola!
Viaggi

Non c’è limite all’odio degli USA contro Cuba. Questa volta è toccato ad una famiglia di Firenze rea di aver soggiornato nell’Isola!

Fermati sull'isola senza poter entrare in America: “Abbiamo perso 3mila euro e constatato a nostre spese che ufficialmente questo viaggio era possibile, ma ufficiosamente no". Cos’ è successo? “La mattina dell’11 agosto avevamo il volo per gli Stati Uniti dall’Avana, ma alle 18 del giorno precedente abbiamo ricevuto una email che ci informava del cambio dello status del nostro Esta: in pratica, di punto in bianco, i nostri visti per gli Stati Uniti erano stati tutti cancellati a meno di 24 ore dal nostro volo per il nuovo continente. Il giorno seguente ci siamo recati comunque in aeroporto per capire cosa fosse successo, se si fosse trattato di un errore e se potevamo effettivamente proseguire il nostro viaggio. Purtroppo il trattamento riservato a noi e agli altri eur...
FABIO DI CELMO: 25 ANNI DI INGIUSTIZIA. NOI NON DIMENTICHIAMO.
Viaggi

FABIO DI CELMO: 25 ANNI DI INGIUSTIZIA. NOI NON DIMENTICHIAMO.

Fabio Di Celmo Una delegazione del circolo di Celle Ligure dell'ANAIC, ha reso omaggio al giovane italiano nel cimitero di Genova-Arenzano, dove riposa insieme alla sua famiglia. 25 anni fa moriva a La Havana a causa di un attentato, il giovane italiano Fabio Di Celmo, vittima dell'esplosione di una bomba collocata nell'Hotel Copacabana da un mercenario salvadoregno pagato dal terrorista anticastrista Luis Posada Carriles. Il Bin Laden dell'America latina, reo confesso, al libro paga della CIA, per questo attentato non ha mai scontato un giorno di carcere e ha vissuto libero a Miami fino all'ultimo dei suoi giorni. Fabio Di Celmo (Genova, 1º giugno 1965 – L'Avana, 4 settembre 1997) è stato un imprenditore italiano, ucciso a Cuba il 4 settembre 1997 dall’esplosione di una bomba, il ...
La Strage di Odessa alla casa dei sindacati, del 2 maggio 2014. L’inizio di un nuovo crimine nazifascista in Europa nel XXI secolo.
Viaggi

La Strage di Odessa alla casa dei sindacati, del 2 maggio 2014. L’inizio di un nuovo crimine nazifascista in Europa nel XXI secolo.

Video intervista a Olga Ignatieva, cittadina russa ucraina, sopravvissuta alla strage, residente in Italia con riconoscimento di asilo politico. QUI IL VIDEO (Copia indirizzo Link): https://youtu.be/jOWeR_BAua4 A cura di Radio Cuba Mambì, Radio Granma e la Rubrica Antimperialista "Qui Gatta ci Cova". Si ringraziano Olga Igniatieva per la testimonianza, Fulvio Conti, Presidente Sezione Anpi Lanciotto Ballerini di Campi Bisenzio per il contatto ed il sostegno politico, la Banda POPolare dell'Emilia Rossa per la concessione all'utilizzo del loro brano "Odessa" e Simone Ducci per il montaggio del video. Fonte: Cuba Mambi Gruppo di Azione Internazionalista
Perchè Taiwan?
Viaggi

Perchè Taiwan?

Questa sopra è la “Current Situation map” prodotta ad Hong Kong nel 1898. La grafica ben rappresenta come fosse percepito in quel periodo l’atteggiamento predatorio delle potenze straniere, rappresentate in forma antropomorfa, nei confronti della Cina. Un periodo segnato da indicibili sofferenze per la popolazione cinese, da una guerra dell’oppio e importanti cessioni territoriali, definite “ concessioni”  a potenze europee finite con la fondazione della Repubblica Popolare Cinese (RPC). Basta un colpo d’occhio per comprendere la storia di divisioni e soprusi di cui è stata vittima la Cina, che hanno portato alla cessione di colonie come Hong Kong e Macao, alle guerre Sino-Giapponesi, infine,  dopo la vittoria della prima guerra mondiale, all’umiliazione che ha visto la trip...
LA BESTIA UMANA: riflessioni sulle dichiarazioni dell’ambasciatore ucraino presso la Santa Sede
Viaggi

LA BESTIA UMANA: riflessioni sulle dichiarazioni dell’ambasciatore ucraino presso la Santa Sede

Le dichiarazioni di ieri dell’ambasciatore ucraino presso la Santa Sede, Andrii Yurash, sembrano uscire da un romanzo di Zola, “la bestia umana”. Una sorta di malattia sociale in cui la crudeltà prende il sopravvento su ogni cosa.Il trasparente odio verso tutto ciò che attiene alla Russia, fino a mostrare irritazione contro il Papa per le sue parole di umana pietà rivolte alle vittime della guerra, tra cui i bimbi russi oltre che ucraini rimasti orfani, è desolante. Il biasimo di Yurash si fa particolarmente tagliente e assume la forma di un arrogante rimprovero verso Bergoglio per aver espresso pena verso Darya Dugina, assassinata nell’attentato terrorista a Mosca. Un biasimo espresso con parole che inequivocabilmente attestano l’indifferenza per la morte della giovane definendola “i...
Viaggi di solidarietà alle Ong palestinesi perseguitate da Israele
Viaggi

Viaggi di solidarietà alle Ong palestinesi perseguitate da Israele

I partecipanti al Pellegrinaggio di Giustizia in Palestina (20-27 agosto 2022) uniscono la propria voce a quella di Pax Christi Italia e delle tante associazioni in solidarietà agli operatori e alle operatrici delle Ong le cui sedi, solo pochi giorni fa, sono state oggetto di atti vandalici da parte dell’esercito israeliano. Le predette Ong erano già state accusate di essere organizzazioni terroristiche, senza prova alcuna, sia dal Ministero della Difesa israeliano (19 ottobre 2021) sia dal Comandante Militare (il 3 novembre 2021). Avendo attraversato le strade di Betlemme, di Gerusalemme, di Hebron e di Ramallah sentiamo forte il dovere di condannare le politiche di apartheid verso i palestinesi da parte del governo israeliano. Esprimiamo vicinanza agli operatori e...
Josè Nivoi: “Noi portuali di Genova non vogliamo far parte dell’ingranaggio delle armi”
Viaggi

Josè Nivoi: “Noi portuali di Genova non vogliamo far parte dell’ingranaggio delle armi”

Transito e traffico d’armi per i porti italiani, europei e non solo… ma i portuali non ci stanno e si organizzano in rete per bloccare le navi della morte. Ne parliamo con José Nivoi del CALP (Collettivo Autonomo Lavoratori Portuali) di Genova, che sabato 27 parteciperà al dibattito “Armiamoci e pa(r)tite: la guerra non porta nulla di buono” durante Èqualafesta 2022 a Germignaga (Varese). Come e quando è nato il CALP (Collettivo Autonomo Lavoratori Portuali)? Il Calp è nato il 15 ottobre 2011, dopo una grande manifestazione a Roma. Sul pullman di ritorno si decise di far rinascere il collettivo di lavoratori portuali, più che altro per delle esigenze sindacali: la struttura sindacale di allora, la CGIL, non permetteva e continua a non permettere di dialogare ...
EnglishItalianPortugueseSpanish