Attualità

Attualità

Diamo una possibilità alla Pace – Avigliana, 25 febbraio 2023
Articoli, Attualità

Diamo una possibilità alla Pace – Avigliana, 25 febbraio 2023

Europe For Peace continua a chiedere la Pace con iniziative in tutta Europa L’invasione russa in Ucraina iniziò il 24 Febbraio 2022. Una violazione della Carta delle Nazioni Unite e del diritto internazionale che chiede giustizia immediata. Dopo mesi di azioni condivise per la Pace, anche in occasione di questo anniversario Europe for Peace invita a promuovere mobilitazioni nelle città italiane ed europee a un anno dall’invasione dell’Ucraina per chiedere il cessate il fuoco, il dialogo e i negoziati di pace per costruire un’Europa sicura e pacifica per tutti.Le iniziative si inseriscono nel solco delle richieste di Pace già condivise in occasione della grande Manifestazione di Roma con oltre 100.000 partecipanti dello scorso Novembre: “Le guerre e le armi puntano alla vi...
Ucraina, Cgil in piazza con Europe for peace
Articoli, Attualità

Ucraina, Cgil in piazza con Europe for peace

Il sindacato, insieme alle lavoratrici e ai lavoratori, è mobilitato per costruire la pace. La Cgil è contro la guerra perché la guerra è sempre orrore, morte, distruzione, perdita dei diritti, anche quelli sindacali”. Lo ha affermato Francesca Re David, segretaria confederale della Cgil, nel corso della conferenza stampa che si è tenuta questa mattina nella sala della Protomoteca del Campidoglio, a Roma, promossa da Europe For Peace per illustrare le iniziative in programma a un anno dall’inizio del conflitto in Ucraina. “Chiediamo all’Europa - ha aggiunto la dirigente sindacale - di farsi promotrice di pace, basta discutere di investimenti in armi. In questi anni, purtroppo, è stata cieca di fronte alle guerre che sono scoppiate alle porte del vecchio conti...
CUBA RAPPRESENTA ANCORA UNA MINACCIA PER GLI STATI UNITI.
Articoli, Attualità

CUBA RAPPRESENTA ANCORA UNA MINACCIA PER GLI STATI UNITI.

Il presidente Joe Biden, tanto per non perdere le sane abitudini, ha deciso di estendere per un altro anno la legge che dichiara Cuba un’emergenza nazionale per gli Stati Uniti. Questa nuova proroga entrerà in vigore dal 21 febbraio, data in cui sarà pubblicata nel Registro Federale. Il presidente Joe Biden, tanto per non perdere le sane abitudini, ha deciso di estendere per un altro anno la legge che dichiara Cuba un’emergenza nazionale per gli Stati Uniti. L’amministrazione di Joe Biden, nel continuo tentativo di strozzare l’economia cubana, continua imperterrita ad inserire Cuba in tutte le liste di proscrizione che la fantasia della Casa Bianca è capace di partorire. Cuba figura tra i paesi patrocinatori del terrorismo, tra i paesi che sfruttano il lavoro dei propri lavor...
Il Presidente del Messico riceve il Presidente di Cuba: “Il Governo degli Stati Uniti deve, il più presto possibile, togliere il blocco ingiusto ed inumano al popolo di Cuba”
Articoli, Attualità

Il Presidente del Messico riceve il Presidente di Cuba: “Il Governo degli Stati Uniti deve, il più presto possibile, togliere il blocco ingiusto ed inumano al popolo di Cuba”

I presidenti del Messico Lopez Obrador e di di Cuba Diaz-Canel. "Il Governo degli Stati Uniti deve, il più presto possibile, togliere il blocco ingiusto ed inumano al popolo di Cuba. Il popolo cubano, rappresentato qui dal suo presidente, merita il premio della dignità. Questa isola deve essere considerata come la nuova Numanzia (città spagnola che resistette per circa 20 anni agli attacchi dei soldati della antica Roma) per il suo esempio di resistenza. Penso che per questa stessa ragione Cuba deve essere dichiarata Patrimonio della Umanità", lo ha dichiarato ieri il presidente Lopez Obrador ricevendo il presidente di Cuba Diaz-Canel. Durante l'atto ufficiale, Obrador ha decorato il suo omologo cubano con l'Ordine messicano dell'Aquila azteca, la più alta onorificenza del paese, pe...
La democrazia cubana… il prossimo 26 marzo sarà eletto per 5 anni il nuovo Parlamento.
Articoli, Attualità

La democrazia cubana… il prossimo 26 marzo sarà eletto per 5 anni il nuovo Parlamento.

L'Assemblea Nazionale del Potere Popolare La democrazia cubana, genuina, autentica – non importata – ha un cognome: socialista. La sua essenza risiede nella partecipazione dei cittadini, nel diritto di tutte le persone a prendere parte alla costruzione economica, politica e sociale della nazione. "Non c'è democrazia a Cuba", ripetono in continuazione coloro che si oppongono al sistema politico cubano. "Come ci si può stare con una sola festa?" Alla domanda bisognerebbe rispondere con un'altra: chi ha detto che democrazia significa multipartitismo? La democrazia è, in tutte le accezioni del termine, governo del popolo. E potremmo aggiungere: dalla gente e per la gente. Il multipartitismo è, con buona pace della maggior parte delle società contemporanee che lo ...
CUBA: Da oggi i candidati al Parlamento incontreranno la popolazione. Una grande prova di reale democrazia, dal basso!
Articoli, Attualità

CUBA: Da oggi i candidati al Parlamento incontreranno la popolazione. Una grande prova di reale democrazia, dal basso!

Dopo essere stati nominati domenica nelle 168 Assemblee Municipali del Potere Popolare, i 470 candidati al Parlamento cubano da oggi fino al 24 marzo incontreranno la popolazione, i lavoratori e altri settori della società in vista delle prossime elezioni nazionali. I percorsi attraverso comunità e centri di produzione, servizi, istruzione e scienza, istituzioni armate, tra gli altri, permetteranno al popolo di conoscere meglio coloro che rappresenteranno il proprio territorio davanti all'Assemblea Nazionale del Potere Popolare, nella X Legislatura per un periodo di cinque anni. In tali confronti, lontani da ogni pubblicità elettorale come avviene in molti Paesi, si conosceranno i meriti e le capacità di ognuno di questi uomini e donne, tra loro personalità e delegati di base, n...
LA POSIZIONE DI CUBA E VENEZUELA DI FRONTE ALLA GUERRA IN UCRAINA. UNA INTERVISTA AD ALDO GARZIA* (11 marzo 2022)
Articoli, Attualità

LA POSIZIONE DI CUBA E VENEZUELA DI FRONTE ALLA GUERRA IN UCRAINA. UNA INTERVISTA AD ALDO GARZIA* (11 marzo 2022)

Il conflitto in Ucraina ha notevoli ripercussioni sul piano internazionale. Gli equilibri nella loro ridefinizione sono stati fotografati dal voto ONU dello scorso 2 marzo, quando è stata approvata una risoluzione di condanna contro l’escalation militare russa. Dei 193 paesi membri, 141 hanno votato a favore, cinque i contrari (Russia, Bielorussia, Eritrea, Corea del Nord, Siria) e 35 gli astenuti. Tra questi ultimi alcune nazioni rilevanti come Cina e India e paesi che hanno buone relazioni con la Federazione Russa come Cuba. Assente il Venezuela, che ha perso diritto di voto per il debito economico accumulato verso l’Organizzazione delle Nazioni Unite, a seguito dello strangolamento economico che prosegue da anni da parte degli Stati Uniti e l’Unione Europe...
GUERRA IN UCRAINA: PROFILI STRATEGICI E DIVISIONI VALORIALI – di Alberto Bradanini*
Articoli, Attualità

GUERRA IN UCRAINA: PROFILI STRATEGICI E DIVISIONI VALORIALI – di Alberto Bradanini*

* Alberto Bradanini è un ex-diplomatico. Tra i diversi numerosi incarichi ricoperti, è stato Ambasciatore d'Italia a Teheran (2008-2012) e a Pechino (2013-2015). È attualmente Presidente del Centro Studi sulla Cina Contemporanea. Ha pubblicato "Oltre la Grande Muraglia" ed. Feltrinelli In un acuto articolo reperibile sulla rete [1], l’antropologo francese Emmanuel Todd ha sviluppato alcune riflessioni sugli accadimenti ucraini che andrebbero valutate da chi dispone del potere di evitare che questa guerra ci conduca nel baratro. Di seguito i punti cruciali delle riflessioni di Todd, con commenti a margine di chi scrive, quando non diversamente indicato, tenendo a mente che le rappresentazioni della narrazione dominante non sorgono da quel ramo del Lago di Como come i monti manzon...
Perù, membri del Congresso presentano richiesta di dimissioni contro la golpista Boluarte
Articoli, Attualità

Perù, membri del Congresso presentano richiesta di dimissioni contro la golpista Boluarte

Il Perù vive dal 7 dicembre 2022 giorni di mobilitazione popolare per chiedere le dimissioni della presidente golpista Dina Boluarte, nominata dal Congresso che ore prima aveva destituito Pedro Castillo dalla guida dello Stato. Finora, la repressione ufficiale delle manifestazioni ha provocato la morte di oltre 60 persone, oltre a dozzine di feriti e arresti. Oltre alle dimissioni di Boluarte, la protesta popolare chiede la chiusura del Congresso, la convocazione di un’Assemblea Costituente anti-fujimorista e la liberazione di Castillo, che si trova in custodia cautelare con l’accusa del presunto reato di ribellione. La repressione delle forze di sicurezza contro le manifestazioni ha finora provocato più di 60 morti e centinaia di feriti. Ieri è arrivata la prima mozione di “posto ...
EnglishItalianPortugueseSpanish